lunedì 28 dicembre 2009

INVITO ALLA PROVA


Ieri per festeggiare un compleanno siamo andati a pranzo da Omero e Manuela nostri cari amici (e dai miei santoli, naturalmente), perchè avevamo voglia di una buona carne e di una polenta bianca fatta a regola d'arte. Come sempre abbiamo mangiato benissimo, in particolare questa volta ho mangiato un primo delizioso, non esagero ma è la miglior portata che ho assaggiato quest'inverno. Compliementi Manu!
La ricetta non si può pubblicare, fa parte del menù stagionale, perciò mi limiterò alla descrizione e...... se la volete mangiare andate a provarla di persona.



















Ecco:
LASAGNE DI ZUCCA CON FINFERLI E CREMA DI MONTASIO cioè delle sottili sfoglie di zucca, in superfice quasi croccanti, con dei finferli dosati alla perfezione e il tutto condito da una crema al formaggio naturalmente leggera per non coprire la zucca ed i funghi.

http://www.albergo-bornass.com

martedì 15 dicembre 2009

ZUCCOTTO DI PANDORO

Questa è una prova per il pranzo di Natale, un zuccotto fatto usando un pandoro e farcito con due bavaresi: una al cioccolato ed una allo zabaglione. Naturalmente deve essere ricoperto, così non è presentabile, specialmente se si tratta di un pranzo importante, ma ero talmente soddisfatta degli incastri che stavolta l'ho servito così.......e nessuno ha protestato.




















Ingredienti:
1 pandoro
maraschino

per le bavaresi:
2 uova
1 tuorlo, sale
120 gr di zucchero
50 gr di fecola
1/2 l di latte
1/2 l di panna fresca
6 fogli di colla di pesce
100 gr di cioccolato
4 cucchiai di crema zabaglione

Sbattere le uova intere e il tuorlo con lo zucchero ed una presina di sale, unire la fecola, aggiungere il latte e mettere la crema sul fuoco per farla addensare. Mettere la colla di pesce in acqua fredda. Sciogliere a bagnomaria ( o nel microonde) il cioccolato. Quando la crema è pronta allontanarla dal fuoco, lasciarla raffreddare per 5' poi aggiungere i fogli di colla di pesce strizzati. Amalgamare bene e dividere la crema in due parti uguali, ad una aggiungere il cioccolato fuso all'altra la crema allo zabaglione. Mescolare ogni tanto e farle raffreddare. Montare la panna fresca e dividerla in due parti, poi ad ogni crema incorporare adagio una parte di panna. Tagliare il pandoro a fette orizzontali e usarle per rivestire uno stampo per zuccotto (far aderire dei fogli di pellicola all'interno), poi inumidirlo con una bagna fatta con il maraschino ed una doppia quantità di acqua. Versare nella cavità la bavarese al cioccolato e distribuirla su tutta la superficie della pandoro, poi nell'incavo ottenuto mettere la bavarese allo zabaglione, livellandola bene. Chiudere la crema con un'altro strato di fette di pandoro. Sigillare con pellicola e mettere in frigo per alcune ore. Sformare, decorare e servire.

martedì 8 dicembre 2009

SPAGHETTI ALL'ASTICE


E' una ricetta collaudata, entrata a far parte del mio ricettario da più di dieci anni. Fa da condimento ad un piatto di spaghetti da gustare come piatto unico. Io acquisto gli astici surgelati, diversamente si cuociono per circa 8 minuti in acqua bollente salata ....... e questo (anche se sono nata in un allevamento) non mi piace farlo. Mi scuso per la foto, come sempre è un disastro.



















Ingredienti:
2 piccoli astici
2 acciughe (o due sardine)
1 cipolla (o due scalogni)
1 spicchio d'aglio
50 gr di cognac
300 gr di polpa di pomodoro
prezzemolo tritato
olio d'oliva
fumetto di pesce

Dividere gli astici per il lungo, poi tagliare ogni metà a pezzi staccando le teste e rompendo le chele. Versare l'olio in una padella, mettere la cipolla tagliata fine, lo spicchio d'aglio e le acciughe facendole sciogliere a fuoco vivo, versare i pezzi di astice, sfumare con il cognac e cuocere per 5 minuti aggiungendo pochi cucchiai di fumetto. Togliere i pezzi di astice e l'aglio poi nel sugo rimasto versare la polpa di pomodoro e cuocere per 10 minuti, rimettere i pezzi di astice, il fumetto necessario, una spruzzata di prezzemolo tritato, sale e pepe e a piacere del peperoncino. Cuocere gli spaghetti (meglio se nel fumetto di pesce), scolarli, versarli nel sugo con l'astice lasciandoli insaporire per 2 o 3 minuti poi servire.

domenica 6 dicembre 2009

TIRTLEN



















Ingredienti:
per la pasta:
250 gr di farina
1 uovo
sale, olio
acqua
Setacciare la farina a fontana e al centro mettere l'uovo, una presina di sale, un cucchiaio di olio e circa 8 cucchiai di acqua (se l'uovo è grande bastano meno). Impastare gli ingredienti fino ad ottenere una pasta liscia e soda, poi coprirla e lasciarla riposare a temperatura ambiente per una mezz'oretta.

Per il ripieno:
300 gr di verza
mezza cipolla
olio d'oliva
vino bianco
sale e pepe
cumino e bacche di ginepro
brodo
Affettare sottili la cipolla e la verza. Scaldare in una padella qualche cucchiaio di olio, aggiungere la cipolla e farla appassire per 5 minuti, unire la verza, 1 dl di vino bianco, sale e pepe, un cucchiaio di semi di cumino, 3 bacche di ginepro pestate e far cuocere con il coperchio per 30 minuti aggiungendo, eventualmente del brodo, portare a cotturae far evaporare tutto il liquido.
Stendere la pasta in una sfoglia sottire e ritagliare dei dischi di circa 8/10 cm di diametro. Distribuire su metà di essi il ripieno lasciando un bordo libero attorno da inumidire con acqua, coprire con i dischi di pasta rimasti e schiacciare per far aderire bene e sigillare . Scaldare mezzo bicchiere di olio in una padella e cuocere i tirtlen da entrambi i lati. Servirli cosparsi di pape e cumino.

giovedì 3 dicembre 2009

BISCOTTI OVOLINI



















Ingredienti:
220 gr di farina
50 gr di farina di mandorle
120 gr di burro morbido
120 gr di zucchero a velo
vaniglia e aroma alla mandorla
1 uovo, sale
20 gr di cacao
1/2 cucchiaino di cannella
40 gr di granella di nocciole
1 cucchiaino di lievito

Setacciare assieme le due farine con il cacao, la cannella ed il lievito e formare una fontana in una spianatoia, versare al centro lo zucchero magari già aromatizzato alla vaniglia, poche goccie di aroma alla mandorla, il burro morbido, l'uovo, il sale e la granella di nocciole. Fare raffreddare l'impasto in frigo poi stendere la pasta ottenendo uno spessore di 1/2 cm e ritagliare i buscotti. Cuocere a 190° per 8/10 minuti.

domenica 29 novembre 2009

PASTICCIO CON BROCCOLI E NOCI



















Ingredienti:
1 broccolo
3 carote
200 gr di pecorino
150 gr di noci sgusciate
olio d'oliva
50 gr di farina
60 gr di burro
100 gr di latte
sale e pepe
pasta fresca

Mettere a bollire un pentolino di acqua con il sale. Lavare le carote, (sbucciarle se si preferisce farlo), tagliarle a cubetti e cuocerle nell'acqua bollente. Nel frattempo pulire bene il broccolo e tagliarlo a pezzi. Togliere le carote e nella stessa acqua lessare il broccolo per 10 minuti. Non gettare via l'acqua di cottura. Insaporire le verdure in una padella con un filo di olio d'oliva, regolarle di sale e lasciarle in attesa. In un pentolino sciogliere il burro, aggiungere la farina e stemperarla con il latte, poi unire 300 gr di acqua di cottura delle verdure (prima filtrata) e cuocere la besciamelle fino ad addensarla. (se si usa solo l'acqua di cottura è necessaria un po' di farina in più). Salare e pepare. Tagliare a fettine il formaggio, poi spezzarlo con le mani ottenendo dei pezzi di circa 2/3 cm ma sottili. Tagliare grossolanamente anche le noci. Lessare per 5' la pasta (io preferisco così). In una teglia che possa andare in forno, mettere due cucchiai di besciamelle e ricoprire bene il fondo, stendere un foglio di pasta e sopra le verdure preparate in precedenza e dei pezzi di noce, altro foglio di pasta ancora verdure e dei pezzi di formaggio caprino. Continuare così fino ad esaurire gli ingredienti. In superficie con le ultime verdure e le ultime noci anche una buona grattuggiata di caprino. Infornare a 200 gradi per 20 minuti.

martedì 24 novembre 2009

CROSTATE CON FICHIDINDIA

Angela ci ha portato una scatola di fichidindia dalla Puglia, sono un omaggio del suo carissimo nonno, che ringrazio di cuore. Erano confezionati con tanta cura che sono arrivati perfetti, li abbiamo assaggiati subito per assaporare l'ultimo ricordo dell'estate. Grazie



















Ingredienti per la frolla:
400 gr di farina
180 gr di zucchero
180 gr di burro
2 uova, sale
vaniglia
Impastare velocemente la farina, lo zucchero, il burro morbido, le uova, il sale e la vaniglia.
Fare una palla con la pasta, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigo a raffreddare.

Ingredienti per la crema:
2 uova, sale
100 gr di zucchero
60 gr di farina
1/2 litro di latte
1 arancia
Montare leggermente le uova con il sale e lo zucchero, aggiungere la farina e il latte. Tagliare dall'arancia mezza buccia con un coltello affilato (solo la pare arancione) poi schiacciarla per ottenerne il succo. Mettere la buccia nel composto di latte e uova e cuocere la crema fino ad addensarla.

Altri ingredienti:
sciroppo di zucchero
o liquore all'arancio
fichidindia
zucchero a velo
Riprendere la pasta frolla dal frigo e stenderla con il matterello. Ricoprire 6 stampini da crostata di 12 cm di diametro, prima ben oliati ed infarinati. Ricoprire la pasta con un pezzo di cartaforno (bagnato e strizzato) su cui si metteranno dei fagioli secchi come peso. Cuocerli a 180 gradi per 15 minuti poi sfornarli e farli raffreddare. Togliere la frolla dagli stampini, bagnarla con il succo dell'arancia allungato con lo sciroppo di zucchero (o il liquore all'arancio), e versare alcuni cucchiai di crema. Sbucciare i frutti e posizionarli a piacere sopra. Spolverizzare con zucchero a velo.

venerdì 20 novembre 2009

TORTA DI COMPLEANNO

Un' altro compleanno questo mese, la suocera oggi festeggia 80 anni. Per lei una torta speciale e superleggera, fatta con una pasta allo sciroppo d' acero ed una crema alla ricotta.



















Ingredienti per la pasta:
3 uova, sale
90 gr di zucchero
3 cucchiai di sciroppo d'acero
80 gr di farina
50 gr di fecola
Montare molto bene, le uova con il sale, lo zucchero e lo sciroppo d'acero. Mescolare le due farine ed aggiungerle adagio con l'aiuto di una spatola. Imburrare ed infarinare una tortiera di 22 cm di diametro e versarvi l'impasto livellandolo bene. Cuovere a 180° per 15 minuti. Sfornare e quando è tiepido sformarlo.

Ingredienti per la crema:
2 uova, sale
1 tuorlo
120 gr di zucchero
vaniglia
400 gr di ricotta
2 fogli di colla di pesce
3 cucchiai di maraschino
Mettere la colla di pesce in acqua fredda. Mettere in due terrine separate i tuorli dagli albumi. Unire ai tuorli lo zucchero e i semi di un baccello di vaniglia (oppure usare zucchero già aromatizzato), montare con le fruste poi aggiungere un cucchiaio alla volta la ricotta, sempre mescolando per far "gonfiare" bene il composto. Sgocciolare la colla di pesce e scioglierla nel Maraschino caldo. Aggiungere una presa di sale agli albumi (attenzione! bisogna salare anche la ricotta) e montarli a neve, poi incorporare tutto assieme : il composto di uova e ricotta, gli albumi montati e la colla di pesce.

Per completare:
sciroppo d'acero
panna fresca
granella di nocciole
Prendere la pasta già fredda e tagliarla a metà, aggiungere a quattro cucchiai di sciroppo d'acero 50 gr di acqua e inumidirla. Spalmare nello strato di base parte della crema, ricomporre la torta, mettere la crema rimanente sulla superficie e nei bordi. Fare aderire la granella nel bordo. Montare la panna, addolcirla con lo sciroppo e usarla per le decorazioni finali.

mercoledì 11 novembre 2009

100 ANNI TORTA DI COMPLEANNO

Tanti auguri alla mia nonna, oggi compie
100 anni



















Festa grande oggi in famiglia, nonna Palmira è arrivata a 100 anni.

Sono più di 10 giorni che mi guardo il blog di Pinella, per preparare una torta super, di quelle che lei fa con tanta facilità ......... mentre leggi le preparazioni le papille gustative si agitano e ti simulano quei gusti, l'impulso arriva al cervello e te li fa desiderare. Chi la conosce mi darà ragione. Questa volta avevo deciso, una di quelle delizie sarebbe apparsa magicamente nella mia cucina. Invece.....no!!!!! Non sono riuscita ad organizzare i miei piccoli ritagli di tempo, troppi impegni, e in tre giorni non ho concluso niente. Perciò nonnina accontentati di una banalissima tortina crema e panna, (decorata malissimo perchè avevo sonno), ma sappi che gli auguri sono fatti con il cuore, da tutti noi.

Biscotto allo yogurt
ingredienti:
3 uova, sale
120 gr di zucchero
1 yogurt alla vaniglia
100 gr di farina
50 gr di farina di mandorle
20 gr di fecola
1 cucchiaino di lievito
Mescolare la farina con la farina di mandorle ed il lievito. Montare molto bene le uova con il sale e lo zucchero, aggiungere pianissimo lo yogurt e il miscuglio di farine. Distribuire su una teglia da forno livellando bene e cuocere a 200° per 8/10 minuti.

Crema al torroncino
ingredienti:
1 uovo
3 tuorli, sale
120 zucchero
1/2 l. di latte
una stecca di vaniglia
60 gr di farina
400 gr di torrone duro.
Scaldare il latte con la stecca di vaniglia, aperta verticalmente. Montare leggermente l'uovo, i tuorli, il sale e lo zucchero. Aggiungere la farina e il latte. Mettere sul fornello e fare addensare la crema. Macinare finissimo il torrone e aggiungerlo.

Altri ingredienti:
maraschino
panna fresca
zucchero a velo
Tagliare a metà la pasta, inumidirla con una bagna di acqua e maraschino, versare la crema al torroncino, ricoprire con l'altro pezzo di pasta e decorare con panna montata zuccherata.

mercoledì 4 novembre 2009

FRISE E SARDE


Angela!!!!

Questo abbinamento è dedicato a te, le tue frise condite con un vero olio extravergine, dei pomodori ancora gustosi, i tuoi peperoncini super, del buon origano. Per prova, quella in basso a sinistra, ha due acciughine.


Per accompagnare le frise un bel piatto di sarde aperte a libro e cucinate sulla piastra ben calda. Poi distese in un piatto da portata, condite con un filo d'olio (buono) e aromatizzate con un battuto di prezzemolo, aglio e basilico.

mercoledì 21 ottobre 2009

QUADRIFOGLIO AL COCCO

La scorsa settimana ho sbadatamente acquistato delle bustine di lievito per la cottura dei dolci con il microonde, così non li ho mai fatti, ma......figuriamoci se mi presento dalla cassiera per cambiarlo..... magari ricevendo in risposta ""ma è facile da usare, si sta poco e si cucina in un attimo"" come mi dice sempre una mia cara amica che li fà anche così. Non sia mai, che in cucina mi arrendo per così poco........ ecco il primo tentativo, un dolce al cocco morbido, morbido e buono.


Ingredienti:
2 uova
2 albumi
sale
aroma al limone
140 gr di zucchero
80 gr di burro
80 gr di cocco grattuggiato
60 gr di farina
120 gr di frumina
1 bustina di lievito per microonde
Ingredienti per la glassatura:
140 gr di zucchero a velo
acqua
2 cucchiai di cocco gattuggiato

Sciogliere in un pentolino il burro. Setacciare assieme la farina con la frumina. Montare in una terrina le due uova intere con l'aroma, un pizzico di sale e lo zucchero. Aggiungere il burro fuso e
incorporarlo bene con l'aiuto di una spatola. Unire le farine già setacciate alternandole al cocco grattuggiato, all'ultimo cucchiaio di farina aggiungere il lievito ed amalgamarlo all'impasto principale. Montare a neve i due albumi con un pizzico di sale e incorporarli piano piano. Oliare ed infarinare uno stampo che possa andare in microonde, versarvi la pasta preparata livellandola bene. Cuocere la torta a 650 Watt con il grill per 6 minuti. Lasciare raffreddare e sformarla.
Per la glassa: stemperare lo zucchero con due cucchiai di acqua, versare sul dolce e ricoprirlo.
Spolverare poi con i due cucchiai di cocco grattuggiato.

mercoledì 14 ottobre 2009

TOURNEDOS CASANOVA


La quantità e la varietà degli ingredienti di questa salsa mi hanno sempre fatto pensare che sia stata frutto di un errore di qualche cuoco (non ho fatto ricerche in proposito). Succede molte volte che si uniscano degli alimenti e il risultato non sia come lo pensavamo e spesso invece di "buttare" tutto si cerca di unire un "qualcosa" per correggerne il sapore. Questa è l'impressione che avuto, molti anni fa, quando ho letto per la prima volta questa ricetta. Mi sembrava un abbinamento impossibile, leggendo la ricetta provavo una piccola nota di disgusto, poi ho notato la presenza della senape e pensando che a mio marito piace molto mi sono convinta che dovevo provare la ricetta per una cena, usandolo come cavia. Questo, che ci crediate o no è da 25 anni il suo piatto preferito.


Ingredienti:
6 tournedos di manzo, fettine di pancetta, pepe verde, sale, brandy

per la salsa:
sugo di arrosto, vino bianco, brodo, marsala, brandy. senape, worcester, tabasco, panna liquida, sale

Prendere i tournedos di filetto (mi raccomando che siano alti due dita) e arrotolarvi attorno le fettine di pancetta, mettere i grani di pepe verde sopra e lasciarli in attesa.
Preparare la salsa: mettere in un pentolino il sugo di arrosto (circa 3/4 di una tazzina da caffè) e deglassarlo con altrettanto vino bianco e qualche cucchiaio di brodo, accendere il fuoco e far restringere. Allontanarlo dal fuoco e unire: 6 cucchiai di marsala (perfetto anche il Porto), due cucchiai di brandy, 50 gr di senape, una spruzzata di salsa Worcester, qualche goccia di Tabasco e una presina di sale (poco poco) e amalgamare bene. Se è necessario passarlo in un colino. Scaldare sul fuoco una padella con poco olio d'oliva e cuocere i medaglioni per "pochi" minuti per parte (mi raccomando, non fate come mia suocera, che quando li vede belli alti li cuoce per 20 minuti), spruzzarli con il brandy (se ci sono ospiti, incendiatelo) e salarli. Incorporare alla salsa 60 gr di panna, scaldarla e servirla con i tournedos.

martedì 6 ottobre 2009

CHIOCCIOLE

Sono dei leggeri biscotti da colazione, deliziosi nel caffelatte, ma non sono "farina del mio sacco" il merito è di Zucchino di Cookaround.


Ingredienti:
200 gr di farina 00
200 gr di farina di riso
160 gr di zucchero di canna
80 gr di burro morbido
2 uova, sale
latte
2 cucchiaini di lievito
aroma vaniglia, cannella

In una spianatoia versare le due farine, lo zucchero di canna, il lievito ed il burro morbido e formare al centro un piccolo incavo. Rompere le due uova raccogliendole in una piccola coppetta, aggiungere il sale, l'aroma alla vaniglia e mezzo cucchiaino di cannella, sbattere con una forchetta per amalgamare tutto poi aggiungere tre cucchiai di latte e incorporarlo bene. Versare il miscuglio nell'incavo e impastare con gli ingredienti preparati sulla spianatoia. Formare una palla con l'impasto ottenuto e metterlo in frigo per un paio d'ore. (Non lasciarlo troppo perchè la farina di riso tende a rilasciare i liquidi). Scaldare il forno a 180°. Stendere l'impasto al un'altessa di mezzo cm, ricavare le forme desiderate a cuocere in forno fino a doratura.

martedì 29 settembre 2009

UOVA RIPIENE E COSTINI CON CREMA ALLA RUCOLA E TROTA DI SAN DANIELE

Due stuzzichini preparati velocemente con quello che c'era in frigo (le uova erano già cotte), per accompagnare un aperitivo con gli amici, giusto un piccolo snack prima di cena da consumare tra una chiacchera e l'altra.



Ingredienti:
6 uova grandi
50 gr di rucola
20 gr di capperi
10 gr di prezzemolo
alcuni fili di erba cipollina
60 gr di maionese
sale
pancarrè
Trota affumicata di San Daniele
olive o capperi per guarnire

Lessare le uova e farle raffreddare. Tagliare la crosta del pancarrè e tostarlo. Pestare finemente la rucola, i capperi, il prezzemolo e l'erba cipollina e raccogliere tutto in una terrina. Sgusciare le uova e tagliarle a metà, togliere i tuorli dagli albumi e dopo averli pestati grossolanamente con una forchetta unirli alla verdura, aggiungere la maionese e una piccola presina di sale e amalgamare il tutto. Mettere gli albumi in un piatto da portata, con un cucchiaino mettere nell'incavo della crema di rucola e decorare a piacere. Spalmare la rimanente crema sul pane precedentemente tostato e ricoprirla con delle fettine di trota affumicata tagliate sottili. Buon spuntino!

martedì 22 settembre 2009

AMARETI CON CREMA ALLO ZABAIONE

Per salutare l'estate che se ne va (anche se le giornate sono ancora bellissime) ecco un dolce al cucchiaio. Adoro gli amaretti fin da ragazzina, ne ho mangiati tantissimi e li ho usati spesso come ingrediente per creme e dolci, questo è in assoluto il mio preferito. E' il dessert che gli ospiti divorano, quello che quando si mangia da soli, lontano da occhi indiscreti, vien voglia di pulire il piatto...........come non si dovrebbe fare.


Ingredienti:
200 gr di amaretti
50 gr di rum

per la crema:
3 tuorli, sale
100 gr di zucchero
60 gr di fecola
750 gr di latte
1 stecca di vaniglia
3 cucchiai di pasta allo zabaione
oppure 1 bicchiere di zabaione
1 confezione di panna fresca

per guarnire:
granella di nocciole
cioccolato grattuggiato

Scaldare il latte con la stecca di vaniglia tagliata per il lungo. Montare leggermente i tuorli con lo zucchero ed il sale, aggiungere la fecola e poi adagio il latte passandolo attraverso un colino.
Mettere sul fuoco ed addensare la crema, quando è pronta versarla in un largo recipiente per raffeddarla velocemente avendo l'accortezza di spolverarla leggermente con lo zucchero (per evitare la formazione della pellicina in superficie. Montare intanto la panna. Mettere gli amaretti in una terrina, bagnarli con il rum e farli macerare, mescolandoli ogni tanto. Quando la crema si sarà raffeddata aggiungere mescolando adagio lo zabaione e la panna montata. Distribuire gli amaretti in una pirofila di 28 cm di diametro. Versare sopra la crema e coprire bene i biscotti,
poi mettere in frigo per 4/5 ore. Al momento di servire decorate la superficie con granella e cioccolato.

mercoledì 16 settembre 2009

AFTER EIGHT.............BRINDIAMO!!!!


Un CALICE speciale per incoraggiare Laura e Federica, che a Milano incominciano il terzo anno, e per fare un augurio particolare a Deborah che si prepara per andare a studiare (si dice così, vero?) alcuni mesi in Inghilterra. A tutte e tre dedico questo cocktail super, super buono.


Allora ragazze, sciogliete a bagnomaria 200 GR DI CIOCCOLATO BIANCO con 4 CUCCHIAI DI LATTE, mescolate piano. Intanto intiepidite 100 GR DI LATTE in un'altro pentolino. Montate anche 100/150 GR DI PANNA FRESCA in modo che si gonfi solo un pochino (si dice che è semimontata) Allontanate il cioccolato già sciolto dal fornello e incorporate adagio il latte. Versate la bevanda di latte e cioccolato in 4 calici. Aggiungere in ciascun bicchiere UN CUCCHIAIO DI MENTA, versatevi sopra adagio (in modo che non sprofondi ma resti in superfice) la panna semimontata e infine una SPRUZZATINA DI CACAO AMARO.

PRONTO!!!! CINCIN RAGAZZE!!!!

giovedì 10 settembre 2009

CROSTATA ALLE PESCHE


Ingredienti per la pasta:
550 gr di farina
250 gr di burro
250 gr di zucchero
1 uovo
2 tuorli
1 limone

Ingredienti per il ripieno:
1 kg di pesche
50 gr di zucchero
biscotti tritati

Per la pasta: impastare la farina con il burro morbido, lo zucchero, l'uovo intero e i due tuorli, la buccia del limone grattuggiata. Avvolgerla nella pellicola e metterla a raffreddare in frigo per due orette. Nel frattempo tagliare a spicchi le pesche già sbucciate e raccoglierle in una terrina. Togliere un cucchiaio di zucchero dai 50 gr e mescolare il rimanente alle pesche. Lasciarle in attesa. Riprendere la pasta e dividerla in due parti, in modo che una sia poco più abbondante dell'altra. Distendere la quantità maggiore con il matarello e ricoprire uno stampo per crostate ottenendo anche un bordo di due cm. Bucare con una forchetta, poi distribuire sopra 3/4 cucchiai di biscotti sbricciolati e su essi le pesche preparate in precedenza. Ricoprire la frutta con l'impasto rimasto, facendolo cadere a forma di grosse bricciole, infine cospargere la superficie con il cucchiaio di zucchero tenuto da parte. Cuocere il dolce infornando a 180° per circa 45'

venerdì 4 settembre 2009

GAZPACHO

Questa è una zuppa che mi piace tanto, gustosa, fresca e veloce da fare è perfetta per l'estate. L'ho fatta di nuovo in questi giorni per offrire qualcosa di fresco visto che il caldo e l'afa non vogliono andarsene e per "depurare" marito e figlia reduci da hotdog, hamburger, japadog e salse varie......... made in America

Ingredienti x4
500 gr di pomodori maturi
400 gr di cetrioli
200 gr di cipolla
1 peperone
4 fette di pancarrè
brodo vegetale
aceto
sale e pepe
prezzemolo, erba cipollina
4 belle mele,
1 limone
Tagliare una calotta superiore alle mele, poi scavarle lasciando un guscio di mezzo centimetro. Tagliare il limone a metà e con il lato interno ripassare tutto l'interno delle mele per non farle scurire. Avvolgere ogni "scodellina" in un pezzo di pellicola e mettere in frigo.
Mettere il pancarrè spezzettato in una ciottola e bagnarlo con poco aceto. Sbucciare i pomodori in acqua bollente, poi tagliarli a metà e schiacciarli per togliere parte dei semi contenuti.
Mettere nel mixer i pomodori, i cetrioli sbucciati, la cipolla, il peperone pulito e privato dei semi,
il pancarrè, poco brodo e frullare per tritare tutte le verdure assieme. Regolare di sale e pepe, aggiungere la polpa di una mela (le rimanenti saranno perfette per una macedonia) qualche foglia di prezzemolo, alcuni fili di erba cipollina e frullare di nuovo. Prendere le mele dal frigorifero, versarvi il gazpacho e servire. (Per una zuppa più profumata usare dei mezzi meloni privati della parte arancione e servire con pochi dadini di polpa di melone messi al centro).

mercoledì 26 agosto 2009

RICETTE AL PROSECCO

SGOMBRI AL PROSECCO CON SALSA AI PISTACCHI


Ingredienti (x 2):
2 sgombri
1 spicchio d'aglio
1 foglia di alloro
olio d'oliva
sale e pepe
150 gr di prosecco
Pulire bene e lavare il pesce, salarlo e mettere nella pancia svuotata di ognuno mezzo spicchio d'aglio. Preparare una teglia da forno con olio d'oliva e la foglia di alloro, adagiarvi il pesce oliandolo su entrambi i lati, versare il prosecco e infornare a 200° per mezz'ora, girandolo a metà cottura. Intanto preparare la salsa.

Ingredienti per la salsa:
un mazzetto di foglie di prezzemolo
1 spicchio di aglio piccolissimo
50 gr di capperi sott'aceto
50 gr di pistacchi sgusciati
1 cucchiaio di grana grattuggiato
100 gr di olio d'oliva
poco sale
Mettere nel mixer: le foglie di prezzemolo, lo spicchio d'aglio, i capperi strizzati per eliminare l'aceto, i pistacchi, e l'olio d'oliva. Macinare il tutto grossolanamente, togliere dal mixer e versare il miscuglio in una ciottola, unire il grana macinato, e aggiungere una presina di sale (attenzione il grana e i capperi danno già una piccola sapidità)

Quando il pesce è pronto servirlo con questa salsa. Intero, come nella foto, oppure già a filetti con la salsa sopra.


PESCHE CON ANNIVERSARIO AFFOGATE AL P
ROSECCO


500 gr di pesche piccole "casereccie"
2 peschenoci
40 gr di zucchero
1 bicchierino di rum
Prosecco
Sbucciare le pesche. Tagliare tutta la frutta a spicchi raccogliendola in una terrina, annaffiarla con un buon bicchierino di rum, io ho usato Pampero Anniversario, mescolarla e lasciarla macerare per almeno mezz'ora coperta con pellicola. Trascorso il tempo aggiungere due cucchiai di zucchero e coprire la frutta con del buon Prosecco. Rimettere la pellicola e lasciare macerare per alcune ore, meglio se lasciate fino al giorno dopo.


lunedì 17 agosto 2009

MARMELLATE 2009

Ecco le marmellate di quest'anno. Le pesche le ho ricevute in regalo, le more ed i fichi sono di casa mia. In particolare i fichi sono favolosi, belli tondi, polposi e neri come non sono mai stati, gustosissimi e dolci dolci, l'unico inconveniente e che gli alberi sono sempre pieni di api e zanzare, e alla fine della raccolta ero un "colabrodo". Per quest'estate con le marmellate ho finito, basta così,..... ci saranno le nocciole più avanti.....ma questa è un'altra frutta.


MARMELLATA DI PESCHE AL LIMONE
2 kg di pesche, 1 mela, 700 gr di zucchero, 2 limoni, sciroppo di zucchero. (Limoncello)
Pulire, sbucciare e tagliare a pezzi le pesche. Raccoglierle in una terrina cospargervi sopra 400 gr di zucchero e il succo di un limone, (il limoncello se piace) coprire tutto con della pellicola e lasciare macerare x una notte. Nel frattempo togliere la buccia gialla del secondo limone e farla bollire in uno sciroppo di zucchero per 20/30’ spegnere il fuoco e lasciare macerare nello sciroppo. Il giorno dopo mettere le pesche sul fuoco, aggiungere la mela a pezzi non sbucciata e far bollire per circa un’ora. Lasciare raffreddare poi passare la frutta al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere lo sciroppo di zucchero con la buccia di limone tagliata a filetti, il rimanente zucchero e far raggiungere la giusta densità. Togliere dal fuoco ed invasare.


MARMELLATA SPEZIATA DI MORE
2 kg di more, 150 gr di vino rosso, 600 gr di zucchero, 1 stecca di cannella, alcune bacche di ginepro, un pezzetto di noce moscata, 2 grani di pepe.
Mettere in una casseruola le more con il vino rosso, metà dello zucchero e tutte le spezie racchiuse in una piccola garza o in una bustina per il tè. Far bollire la frutta finchè si spappola bene, mettere il coperchio e lasciare raffreddare. Quando è fredda, togliere le spezie, passare la frutta come d’abitudine e rimetterla sul fuoco con il rimanente zucchero, (se piace più speziata rimettevi il sacchettino), far bollire fino a giusta densità quindi invasare.


MARMELLATA DI FICHI ALLA VANIGLIA
3 kg di fichi maturi, 1 stecca di vaniglia, 550/600 gr di zucchero.
Pulire e spezzare i fichi, senza sbucciarli. Metterli in una casseruola assieme alla stecca di vaniglia e a metà zucchero e farli bollire per mezz’ora. Incoperchiare e lasciare raffreddare. Quando sono ben freddi la maggior parte dei “semini” si trova in superficie, è il momento giusto di toglierne una parte con l’aiuto di un cucchiaino. E’ certamente una caratteristica di questo frutto, ma ciò rende più gradevole la consistenza della marmellata. Togliere la stecca di vaniglia e passare la frutta al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere il rimanente zucchero e portare alla giusta densità. Invasare


MARMELLATA DI FICHI VANIGLIATA AROMATIZZATA ALLA GRAPPA
3 kg di fichi, 600 gr di zucchero, 60 gr di buona grappa, vaniglia.
Mettere in una casseruola i fichi con la stecca di vaniglia (usare una piccola parte di vaniglia, io ho adoperato quella usata precedentemente. Essa deve solo aromatizzare leggermente la marmellata e non coprire il gusto di fichi e grappa) e 200 gr di zucchero. Far bollire tutto per mezz’ora. Togliere la vaniglia e dopo freddi passare i fichi al passaverdure. Rimettere sul fuoco, aggiungere i rimanenti 400 gr di fichi, la grappa e far bollire ancora. Quando lo zucchero sarà ben sciolto e la bensità perfetta, spegnere il fuoco e invasare.

domenica 9 agosto 2009

TORTA SOFFICE DI MORE

Dedicato a marito e figli che sono in America un torta alle more con crema al marsala. Per farvi vedere i frutti di agosto del "mio cortile". Bacini! Bacini!!!!!



Ingredienti per la pasta:
100 gr di burro morbido
150 gr di zucchero
1 uovo
1 tuorlo
sale, aroma vaniglia
240 gr di farina
1 cucchiaino di lievito
1 dl di latte
Montare il burro con lo zucchero, aggiungere adagio prima l'uovo intero e poi, quando questo è ben incorporato anche il tuorlo, il sale e l'aroma. Montare con le fruste ancora un po'.
Mescolare il lievito alla farina e con una spatola aggiungerlo all'impasto di burro, alternandolo con il latte. Imburrate ed infarinate uno stampo per torte alla frutta, quelli con il fondo rialzato, versate la pasta e cuocete in forno caldo per 15' a 180 gradi.

Ingredienti per la crema:
2 tuorli
1 uovo
sale
60 gr di zucchero
1 vaniglia
2 cucchiai colmi di farina
450 gr di latte
1 bicchierino di marsala.
Scaldare il latte con il baccello di vaniglia tagliato longitudinalmente. Montare i tuorli e l'uovo con lo zucchero, aggiungere il sale e la farina, poi incorporare piano il latte caldo ed il marsala. Mettere sul fuoco e fare addensare la crema. Aspettare che sia fredda prima di usarla.

Capovolgere la pasta della torta, bagnarla a piacere, poi distribuire nell'incavo la crema.
Sulla crema adagiare la frutta, decorandola a piacere. Un velo di gelatina....e la torta è pronta.

martedì 4 agosto 2009

MOUSSE AL CIOCCOLATO

Ingredienti:
250 gr di ciocolato
70 gr di burro
1 confezione di panna fresca
2 tuorli
3 albumi
120 gr di zucchero a velo
sale

Sciogliere in una casseruola il cioccolato con il burro poi far raffreddare. Incorporare i tuorli uno alla volta mescolando bene. Lasciare in attesa il cioccolato e montare la panna in una terrina precedentemente messa in frigorifero e poi zuccherarla. Prendere gli albumi, aggiungere un pizzico di sale e montarli a neve. Comporre la mousse aggiungendo al cioccolato fuso la panna e i bianchi montati, mescolando adagio fino a ottenere un composto soffice e omogeneo.
Dividerlo nelle coppette e mettere in frigo a rassodare per almeno 6 ore. Servire decorando con un ciuffo di panna montata (magari aromatizzata alla vaniglia o al caffè).

venerdì 24 luglio 2009

STUZZICHINI DI ZUCCHINI


Ingredienti:
3 zucchine
1 caprino fresco
15 gr di rucola
1 cucchiaio di granella di nocciole
3 foglie di basilico
olio d'oliva
sale e pepe
500 gr di gamberi
fumetto di pesce
olio al peperoncino
prezzemolo

Affettare le zucchine nel senso della lunghezza, naturalmente dopo averle private delle estremità e lavate; poi grigliarle in una piastra ben calda. Salarle e a piacere irrorarle con un filino d'olio.
Per il ripieno alla rucola: mettere il caprino in una terrinetta, aggiungere un cucchiaio d'olio d'oliva, la rucola tritata, la granella di nocciole, le foglie spezzettate di basilico ed amalgamare bene. Salare e pepare. Disporre a croce due fettine di zucchina, mettere al centro una noce di impasto e chiudere ripiegando i lembi finali delle zucchine. Lasciare in attesa.
Per i spiedini di gamberi: togliere le teste. Mettere sul fuoco un litro d'acqua salata, con una foglia di alloro, un piccola cipolla, un pezzettino di sedano, le teste dei gamberi e 80 gr di vino bianco e far bollire piano per 10 minuti. Cuocere in questo liquido le code di gambero per 3/4 minuti. Scolarle, sgusciarle e passarle in una padella con olio d'oliva e l'olio al peperoncino per pochi minuti, spolverizzare con del prezzemolo tritato e una volta pronte avvolgerle nelle fette rimaste delle zucchine. Formare gli spiedini, lunghi o infilati ad uno ad uno negli stuzzicadenti.
Da un'altra zucchina intera sono stati ricavati dei tranci di circa 3 cm, incavati, scottati in acqua salata per pochi minuti e riempiti di uova di trota.
Impiattare e servire.

sabato 18 luglio 2009

SFORMATINI ALLE MELANZANE CON CIPOLLE AL BALSAMICO

Ingredienti:
1 melanzana
4 uova piccole
latte
grana
olio
sale e pepe
2 grosse cipolle
brodo vegetale
zucchero di canna
aceto balsamico

Tagliare a cubetti la melanzana e cuocerla in padella con poco olio d'oliva, salate e pepate. Sbattere, in una piccola terrrina le uova con 2 cucchiai di latte, 2 cucchiai di grana ed una presa di sale, unire la melanzana cotta e mescolare bene. Ungere 6 stampini da muffin e rivestirli con del
pane grattuggiato. Versarvi il composto di uova e cuocere in forno caldo a 180° per 15/20 minuti.
Sbucciare e affettare le cipolle. Farle appassire con poco olio d'oliva e due cucchiai di brodo, aggiungere due cucchiai di zucchero di canna, un cucchiaio di balsamico e far caramellare le cipolle, salare. A cottura avvenuta togliere i tortini dagli stampini e servirli accompagnati alle cipolle caramellate.

martedì 7 luglio 2009

MARMELLATA DI PRUGNE GIALLE AL MIELE


Osvaldino e Danielina mi hanno regalato una grandissima cesta di prugne gialle, e dal momento che la suocera ed il marito non sono riusciti a mangiarle tutte, oggi ho dovuto fare un po' di marmellata.
Non è un frutto che mi entusiasma molto, è troppo acquoso e per far raggiungere alla marmellata la giusta densità è necessaria una cottura più lunga, per questo motivo avevo pensato di aggiungerci delle pesche, ma al mercato non le ho trovate ben mature e ho dovuto rinunciare all'idea, ed è stato meglio così, il risultato è stato molto soddisfacente.

Ingredienti:
3 kg di polpa di prugne gialle
2 grosse mele (450 gr)
1 limone
1 kg di zucchero
200 gr di miele
aroma vaniglia

Mettere sul fuoco la polpa delle prugne con le mele, private dal torsolo e tagliate a pezzi, il succo del limone e metà zucchero. Cuocere fino a quando tutta la frutta sarà ben spappolata quindi macinare tutto. Rimettere sul fuoco a far bollire per addensarla un po' (ho lasciato per mezz'ora) mescolando con un cucchiaio di legno. Spegnere e raffreddare. Rimettere sul fornello aggiungere l'aroma alla vaniglia (meglio dello zucchero aromatizzato), lo zucchero rimanente ed il miele e portare nuovamente a bollore. Cuocere per addensare.....e invasare, come d'abitudine.

lunedì 22 giugno 2009

ZUPPA DI MARE


Andare dal pescivendolo di fiducia ed acquistare: pescatrice, scorfano, triglie, sogliole, muggine, polipo, seppie, gamberi, canocchie, cozze e vongole.....e tutto quello che vi dice che nella zuppa ci sta bene. Naturalmente tenendo conto del numero di commensali. Pulire tutto il pesce. Sfilettare i pesci più grossi tenendo da parte le teste e le lische (eventulmente farsi dare dal pescivendolo qualche "scarto" in più), e tagliateli a pezzi. Lasciare interi i pesci piccoli, tagliare a striscioline le seppie e a pezzi il polipo. Mettere sul fuoco una pentola con un litro d'acqua salata, una cipolla, una carota, un pezzo di sedano, un bicchiere di vino bianco ed una foglia di alloro, unire gli scarti di pesce e portare ad ebolizione. Far bollire per 10 minuti. Fare un battuto con uno spicchio d'aglio, una carota, una cipolla, un gambo di sedano, mezzo peperoncino piccante e rosolarlo in un'altra pentola messa sul fuoco con dell'olio extravergine. Aggiungere i pezzi delle seppie ed il polipo,insaporire quindi aggiungere metà brodo filtrato e 500 gr di polpa di pomodori, cuocere a fuoco lento mescolando poco e delicatamente. Dopo un quarto d'ora aggiungere i tranci di pescatrice, lo scorfano, le triglie, le sogliole, la muggine e continuare la cottura per altri 10/15' aggiungendo se necessario altro brodo filtrato. Per ultimi si uniscono i gamberi e le canocchie con il loro carrapace, le cozze e le vongole. Continuare la cottura per altri 10' poi regolare di sale.
Tagliare a fette una grande pagnotta di grano duro, ricavate dei crostini spruzzarli con del brodo vegetale e tostarli in forno caldo per pochi minuti.
Versare la zuppa in una zuppiera, spolverizzarla con del prezzemolo fresco tritato finissimo e servirla con i crostini.

lunedì 15 giugno 2009

TORTA AL COCCO in una domenica pomeriggio.


Kikka, come ci avevi chiesto, abbiamo fatto una passeggiata per la campagna pensando a te.
Stanno mietendo l'orzo ed il frumento, quindi immaginati il gran viavai di trattori......la giornata era caldissima, gli ultimi campi di grano offrono una spettacolo unico. Nonostante il brutto tempo la maggior parte delle spighe sono diritte ed i pochi papaveri rimasti, sono talmente piccoli e radi che non si notano neppure rimanendo nascosti fra gli steli secchi del grano. Ho impiegato mezz'ora per ricordare la differenza tra la spiga di frumento e quella di orzo, se il nonno ed i tuoi zii lo sapessero....povera me. Dove il raccolto era stato fatto la paglia stesa sotto il sole diffonde ovunque il suo profumo secco e caratteristico. Le file di paglia già battuta lasciate dalle trebbie e pronte per essere raccolte mi hanno dato il segnale dell'estate in arrivo. Nelle stradine bianche tra i prati dove i raggi del sole faticano ad entrare, l'acqua delle pozzanghere, l'ultima rimasta dopo tante giornate di pioggia, ristagna e combatte con la terra che già la richiede, ma rilascia un aroma di terra bagnata, di umidità e di cespugli bagnati che ricorda il sottobosco. Non c'è più traccia dei fiori primaverili, finite quindi le frittelle di acacia e il sambuco ha già le bacche piccole, ma sono già pronte le more, sia di gelso (un po' acquose) che di rovo (le più dolci). Abbiamo trovato degli alberi di maraschine......amare ma buone. Inoltre abbiamo raccolto i primi "frambui" come li chiama il nonno. Riesco a farti un vasetto mini di marmellata per quando arrivi. Quest'anno il nonno li ha potati meglio perciò si mangeranno lamponi tutta l'estate. Dimenticavo....c'è una volpe che si aggira nella zona , l'hanno avvistata diverse persone, dicono che è meravigliosa.
Ti invio una ricettina facile, al cocco con pezzetti di cioccolato, una di quelle torte veloci da fare e perfette per la colazione. Ciao, buona settimana.


TORTA AL COCCO

Ingredienti:
4 uova
140 di zucchero
aroma limone e vaniglia
1 panna fresca
160 farina
120 cocco
sale
60 gr di cioccolato fondente
burro e zucchero per lo stampo

Montare in una terrina due uova intere e due tuorli, con lo zucchero e gli aromi. A parte montare a neve i due albumi rimasti con un po' di sale. Aggiungere all'impasto di uova e zucchero la panna mescolando adagio con una spatola, poi piano piano aggiungere anche la farina già setacciata con il lievito. Incorporare il cocco grattuggiato e il cioccolato tagliato a pezzetti. Ungere uno stampo con due cucchiai di olio e ricoperlo con dello zucchero. Versare nello stampo e cuocere in forno già caldo a 180° per 40'


martedì 9 giugno 2009

TAJINE DI MANZO E AGNELLO CON VERDURE

Ho ricevuto in regalo una autentica tajine da un cliente marocchino che conosciamo da tanti anni. Quindi considerando che il cous cous in famiglia piace, ecco subito alla prova la nuova pentola.



Ingredienti (x4)
400 gr di carne di manzo
300 gr di carne di agnello
1 spicchio di aglio
3 cipolle
3 carote
1 zucchina
brodo di verdure
olio e sale
miscela di spezie per spezzatino
(ras el hanout)
200 gr di cous cous
burro stagionato

Tritare assieme lo spicchio d'aglio ed una cipolla. In una padella soffriggere in 4 cucchiai di olio, metà delle verdure tritate, poi unire la carne tagliata a pezzi e rosolarla bene. Mettere a scaldare la pentola in terracotta (naturalmente sopra una retina spaccafiamma) con un altro po' d'olio e l'altra parte di aglio e cipolla. Versarvi la carne, salarla, cospargerla con un cucchiaio di spezie marocchine, unire un bicchiere di brodo e coprire. Cuocere per mezz'ora con fiamma al minimo. Nel frattempo preparare le verdure, dopo averle lavate e pulite bene tagliare in quarti le cipolle, a metà le carote ed a tranci la zucchina. Scoperchiare la tajine e controllare il liquido di cottura aggiungendo se è necessario ancora un po' di brodo. Mettere le verdure sopra i pezzi di carne, salare, cospargere con un altro cucchiaio di spezie e richiudere la pentola per un'altra mezzo'ora.
Preparare il cous cous: far bollire 300 gr di brodo, allontanarlo dal fuoco e versare il cous cous.
Mescolare bene, aggiungere un cucchiaio di burro stagionato e lasciarlo in attesa.
Quando la carne è cotta, fare un po' di spazio nella tajine e mettervi il cous cous, mettere la tajine in centro tavola, servirsi e mangiare.

giovedì 4 giugno 2009

4 giugno



video

26
anni!!!!!
Al mio "piccolo bimbo" che si trova lontanissimo, tanti auguri di buon
compleanno da parte di tutti noi. Sono passate le nove perciò anche lì
è quattro giugno..........niente più scuse. Auguroni!

venerdì 15 maggio 2009

SPIEDINI DI SPADA ALL'ARANCIA


Ingredienti:
500 gr di pesce spada in un unico trancio
8 foglie di alloro
8 foglie grandi di salvia
1 arancia
2 teste di aglio selvatico
un ciuffo di prezzemolo
2 cucchiai di pangrattato
sale, olio d'oliva.
Tagliare la polpa di spada in modo da ottenere dei cubetti di pesce di tre cm di lato (spigolo). Tagliare a metà le foglie di salvia e con un coltellino fine togliere la parte gialla della buccia dell'arancia. Spremere il succo di metà arancia. Formare gli spiedini infilando: un pezzo di buccia d'arancia, un cubetto di spada, un pezzo di salvia, un cubetto di spada, una foglia d'alloro, un cubetto di spada, una foglia di salvia, un cubetto di spada, una buccia d'arancia e un'altro cubetto di spada. Tritare assieme le testine di aglio selvatico (nei prati in questo periodo è fresco e delizioso) con il ciuffo di prezzemolo, metterlo in un piatto e mescolarlo ai due cucchiai di pangrattato (possibilmente ottenuto solo con la mollica), in questo composto rotolare gli spiedini tenendo da pare il miscuglio rimasto. Versare in un tegame dell'olio d'oliva e quando è caldo rosolare gli spiedini, prendere il succo dell'arancia allungarlo con tre cucchiai di acqua e versarlo sopra il pesce, unire il pangrattato con il prezzemolo rimasti (se piace un po' di sugo), salare e incoperchiare. Cuocere per venti minuti, poi togliere il coperchio e fare addensare il sugo. Impiattare e servire.

domenica 10 maggio 2009

FESTA DELLA MAMMA

Un grandissimo ringraziamento ai miei bimbi, che sono lontani da casa. Ragazzi davvero non me l'aspettavo, questa mattina quando hanno suonato alla porta mi immaginavo i soliti amici alla ricerca dell'aperitivo, invece mi hanno consegnato questo:

un favoloso mazzo di fiori tutto per me. Grazie di cuore.....ho i miei dubbi riguardo ad essere la migliore mamma del mondo, diciamo che vi vizio e i complimeti sono per questo, però di sicuro ho due bimbi eccezzionali.
Un bacione grande, grande, grazie Diego e grazie Laura.

martedì 5 maggio 2009

6 maggio

alla mia bimba che oggi compie 21 anni.

Per lei i "suoi dolcetti" ovvero:
TARLETTE CON CREMA DI LIMONE E PURE' DI FRAGOLE

Crema al limone:
1 uovo
3 tuorli
sale
120 gr di zucchero (5 cucchiai)
50 gr di farina (2 cucchiai colmi)
0,5 litro di latte
1 limone
Montare leggermente l'uovo, i tuorli e il sale con lo zucchero. Versare il latte. Tagliare dal limone delle sottili strisce di buccia, in modo da avere solo la parte gialla, e unirle al composto di uova.
Mettere sul fuoco e cuocere la crema fino ad addensarla bene. Lasciare raffreddare.

Fare un pasta frolla alle mandorle e ritagliarvi dei dischetti per ottenere delle piccole tarlette.
Cuocerle in bianco e lasciare raffreddare.
polentaezucchero.blogspot.com/search/label/dolce

Bagnare il fondo delle tarlette con un po' di maraschino allungato con acqua, versarvi due cucchiai di crema e ricoprire il tutto con fragole frullate leggermente zuccherate.

venerdì 1 maggio 2009

Oggi


1 maggio


Ricevere un mazzetto di mughetti il primo giorno di maggio è un buon augurio. E' sempre stata una tradizione di famiglia, (non so di preciso come sia nata) ma fin da bambina, alla mattina del 1° maggio io ricevevo e ricevo un mazzetto di tre mughetti da mia madre, con una augurio di buona fortuna.
Oggi lo dedico a mia figlia e a tutte le donne.

sabato 25 aprile 2009

SALATINI

San Marco
è il giorno della prima scampagnata, una giornata da trascorrere all'aria aperta in compagnia con un pranzo al sacco all' italiana, torte salate, pasta fredda, focaccie, .... ma la tradizione vuole che il giorno di San Marco sia festeggiato con "le uova", quindi frittate a volontà, con le cipolle, le patate, col salame, con i bruscaldoli (che sono nel periodo giusto), con le ortiche (anche quelle ancora fesche), con gli asparagi......non c'è che l'imbarazzo della scelta.
Ecco la mia raccolta di bruscandoli, mi bastano per un risottino, per la frittata e anche per il ripieno di alcune crespelle, ma mi sembra banale mettere queste ricette, perciò posto i miei salatini preferiti, un impasto al Montasio da aromatizzare poi a piacere.
Ingredienti:
100 gr di farina
60 gr di burro morbido
40 gr di Montasio mezzzano
80 gr di Montasio stagionatissimo
40 gr di arachidi salate
1 uovo
sale (solo per l'uovo)

Nel mixer macinare i due tipi di Montasio e le arachidi salate. Mettere tutto nella spianatoia e impastare tutti gli ingredienti. Tirate la pasta ad un'altezza di 4 mm e ritagliare dei salatini di circa 3 cm di diametro. Disporli su un foglio di cartaforno aromatizzandoli con: paprika, origano e arachidi, pezzetti piccoli di formaggio, pepe e nocciole, ecc..... infornare a 180° per una decina di minuti. Sfornare e raffreddare.

giovedì 23 aprile 2009

ARROSTO DI TACCHINO RIPIENO


Ingredienti x 12/15 persone:
800/900 gr di fesa di tacchino
150 gr di speck
500 gr di fesa di tacchino macinata
150 gr di funghi cotti
un uovo
40 gr di grana grattuggiato
erbe aromatiche
sale e pepe

Tagliare il petto di tacchino un modo da ottenere un'unica grande fetta, poi allargarla e batterla con il batticarne per appiattirla di più. Salarla leggermente e distribuirvi le aromatiche (salvia, timo, ecc.) poi appoggiare le fettine di speck.In un recipiente preparare la farcia, mescolando la fesa macinata, i funghi cotti, l'uovo leggermente sbattuto, il grana e insaporite con sale e pepe. Versare l'impasto sullo speck, formare un cilindro e racchiuderlo alzando le parti laterali della fesa preparata infine fissarlo con dello spago da cucina. Preparare una teglia da forno con olio d'oliva, salvia e rosmarino, adagiare il rotolo di carne, irrorarlo con ancora un po' olio, versare alla base del vino bianco e dopo aver coperto bene la teglia con un foglio di stagnola, infornare a 200° per 40'. Trascorso questo tempo scoprire la carne e rosolarla bene per altri 10'. Tagliarla fette e servirla con il sugo rimasto (fatto addensare se troppo abbondante).

venerdì 17 aprile 2009

TARTUFI AI FICHI di TIZIANA

Come sempre, finite le festività pasquali, rimangono.....i "cocci" delle uova. Non che mi dispiaccia (adoro il cioccolato, cenare con un panino imbottito di cioccolato fondente è uno dei miei vizi), ma quest'anno ne ho veramente una montagna. Martedì, per curiosità, l'ho pesato, non è stata una Pasqua da record, quando i figli erano piccoli e c'erano tanti nonni la casa piena di uova, comunque mi ritrovo in dispensa la bellezza di 5 kg di cioccolato, che naturalmente dovrò consumare in dolci, dolcetti....e panini. Cominciamo quindi a consumarne un po', ecco dei piccoli tartufi.

Ingredienti:
100 gr di cioccolato fondente
100 gr di cioccolato al latte
50/70 gr di fichi secchi
60 ml di panna fresca
50 gr di burro
50 gr di mandorle tritate
50 gr di farina di mandorle
poco rhum
biscotti sbricciolati
cacao

Tagliare i fichi a pezzetti piccoli e metterli ad ammorbidire nel liquore. Spezzettare il due tipi di cioccolato e farli sciogliere in una casseruola con la panna ed il burro. Lontano dal fuoco unire le mandorle, i fichi ammorbiditi e sgocciolati e qualche cucchiaio di biscotti macinati finemente. Amalgamare bene tutto. Ottenere delle palline di composto grandi come noci rotolarle nel cacao e disporle nei pirottini di carta. Lasciare in frigo qualche ora prima di servire.

venerdì 3 aprile 2009

MARGHERITE

Un biscotto con un leggero aroma all'arancia realizzato con l'apposita pistola.
Ingredienti:
150 gr di burro morbido
140 gr di zucchero
1 uovo, sale
3 cucchiai di succod'arancia
(oppure 2 cucchiai di liquore all'arancia)
la buccia grattugiata di un'arancia
(oppure aroma all'arancia)
300 gr di farina
50 gr di fecola

Se si utilizza la buccia d'arancia, tagliare solo la parte arancione con un coltello e macinarla nel macinacaffè o nel mixer assieme allo zucchero. Montare il burro morbido con lo zucchero, poi aggiungere l'uovo, il sale, il succo d'arancia ed amalgamare bene. Miscelare le due farine ed aggiungerle all'impasto lentamente, usando una spatola. Scaldare il forno a 170°.
Inserire dei cilindri di pasta nella pistola e sparare l'impasto direttamente nella leccarda del forno, senza ungerla. Cuocere i biscotti per circa 10/12 minuti.

sabato 28 marzo 2009

CROSTATE ALLA MARMELLATA

Un dolce sempre gradito, che piace ai ragazzi, ai nonni ed agli amici. Se poi si usa la marmellata fatta in casa, che in genere non è mai esageratamente dolce ed una frolla un po' particolare, con un gusto..... più rustico o più elegante, ecco che la crostata non sarà mai la stessa.

Ingredienti frolla normale:
400 gr di farina
180 gr di burro
160/170 gr di zucchero
un pizzico di vaniglia
2 uova, sale
Impastare tutti gli ingredienti ed ottenere il più rapidamente possibile una pasta omogenea. Distendere due terzi dell'impasto con l'aiuto di un mattarello e ricavare un cerchio, poco più grande dello stampo. Posizionare la carta forno, adagiare la pasta e bucarla con i rebbi di una forchetta. Cospargerla con TRE CUCCHIAI DI BISCOTTI tritati finissimi al nixer e distribuire la marmellata. Con l'impasto rimasto ottenere le strisce di decorazione e formare la griglia. (d'inverno come in queste giornate ancora fredde, io lavoro la pasta direttamente, senza farla riposare in frigo. L'importante è non scaldare troppo il composto)
Cuocere a 180° per circa 20/30 minuti.
Ingredienti per la frolla alle mandorle:
250 gr di farina 00
100 gr di farina di mandorle
150 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo grande, sale
un cucchiaio vino bianco dolce
Impastare molto rapidamente gli ingredienti ed ottenere una pasta omogenea. Distenderla con il matterello e rivestire uno stampo per crostata. Bucare la pasta con la forchetta e cospargerla con TRE CUCCHIAI DI BISCOTTI tritati finissimi al nixer e TRE CUCCHIAI DI GRANELLA DI NOCCIOLE. Quindi distribure la marmellata, qui ho usato marmellata di prugne e i decori sono fatti con frolla normale. Infornare sempre a 180° per 20/30 minuti.

Ingredienti per una frolla "rustica":
260 gr di farina 00
140 gr di farina integrale
160 gr di burro
160 gr di zucchero
2 uova, sale
un pizzico di noce moscata
Sempre allo stesso modo.....impastare .....stendere la pasta.....rivestire lo stampo. Cospargere con
i biscotti secchi (se sono misti al cioccolato, meglio ancora), distribuire la marmellata, usare della pasta per decorare e cuocere.

giovedì 19 marzo 2009

CROSTATA SALATA AL RADICCHIO


Ingredienti:
1 base pronta di pasta sfoglia
2 cucchiai di pane grattuggiato
50 gr di pancetta
60 gr di formaggio Asiago
1 ricotta (350 gr circa)
2 uova piccole
3 cucchiai di grana grattuggiato
1 cucchiaio di ricotta affumicata
100 gr di radicchio rosso di Chioggia
60 gr di cipolla
sale e pepe

Stendere la pasta sfoglia in uno stampo per crostata, bucarla con una forchetta e cospargela con il pangrattato. Tagliare a cubetti la pancetta ed il formaggio e distribuirli sopra. In una terrina, preparare un impasto con la ricotta, 2 uova piccole, 3 cucchiai di grana grattuggiato, un po' di ricotta affumicata ed il sale. Amalgamare bene tutto e stenderlo uniformemente sulla sfoglia pronta. Tagliare finemente il cespo di radicchio e la cipolla, mescolarli tra loro e distribuirli sopra il composto di ricotta schiacciandoli un po' per farli penetrare nell'impasto. Salare e pepare, grattuggiate dell'altra ricotta affumicata a filetti e infornare. Cuocere a 180° per 30 minuti.

giovedì 12 marzo 2009

CRESPELLE CON ZUCCA E SCAMORZA


Questa è l'ultima zucca fresca che mi è rimasta (le altre sono in congelatore), e visto le belle giornate che annunciano che la primavera è alle porte è arrivato il momento di usarla. La uso tutto l'inverno, in tante preparazioni, sia salate che dolci e sebbene mio padre sostenga che è un vegetale da usare sopratutto per l'alimentazione dei maiali..... a me piace; con questa ho deciso di fare le crespelle, quest'anno non le avevo mai fatte e sono un primo leggero e gradevole. Possono essere condite in vari modi, dal classico burro e salvia, ad un sughetto di noci, ad una leggera fonduta o azzardando un fondo al cioccolato amaro.

Per le crespelle:
1 uovo, sale
100 gr di farina
155 gr di latte
una grattuggiata di noce moscata
Sbattere con le fruste l'uovo ed il sale, poi aggiungere alternandoli, la farina ed il latte.
Riscaldare una padellina per crepes, ungerla leggermente e fare le cespelle. Lasciare in attesa e preparare il ripieno.

Per il ripieno:
500 gr di zucca cotta
100 gr di caprino fresco
20 gr di grana
60 gr di gherigli di noce
sale e pepe e noce moscata
In più: delle fettine di scamorza.
Cuocere preferibilmente la zucca in forno. In una terrina mescolare la zucca cotta con i formaggi. Pestare grossolanamente i gherigli con un coltello ed unirli all'impasto, aggiungere anche il sale, il pepe, una grattuggiata di noce moscata ed amalgamare bene tutto. Se l'impasto è troppo molle incorporare un cucchiaio di pane grattuggiato.
Distendere le crespelle preparate, adagiarvi un fettina sottile di scamorza, mettere il ripieno ed arrotolare. Disporle in una teglia e coprirle con della carta stagnola. Scaldarle in forno per 15' o nel microonde. Impiattarle e condirle con burro fuso e salvia, guarnendo a piacere.
Nota: si ottiene un gusto più delicato se al posto del caprino si utilizza della ricotta o della robiola.